Tradizione e innovazione: chiusure industriali svizzere

Home » Tradizione e innovazione: chiusure industriali svizzere

Tradizione e innovazione: chiusure industriali svizzere

Chiusure industriali oltralpe: Thermicroll® và in Svizzera

Tra il lago di Ginevra e quello di Neuchâtel, tra Berna e Ginevra, avete indovinato dove siamo? Ovviamente nella verde e florida Svizzera, e più precisamente a Villarzel, nel cantone di Vaud, a pochi chilometri da Friburgo.
Si tratta di un comune di poco più di 400 abitanti, immerso nel tipico paesaggio da cartolina elvetica: case con tetti dall’inclinazione notevole, borgo medioevale con austere chiese, bastioni che testimoniano il glorioso passato del paese, e le immancabili montagne sullo sfondo. Tradizione e innovazione si intrecciano in questo magnifico contesto. Le temperature della zona sono quasi primaverili, ma il freddo si percepisce ancora. Si tratta infatti di un territorio il cui clima è prossimo al continentale, quindi con inverni abbastanza rigidi, anche se mitigati dalla vicinanza dei due laghi. Le piogge sono abbondanti durante tutto l’anno e conferiscono quindi umidità a tutta la zona.

JSM Nappes Sàrl

portoni industriali in truciolato

La singolare stuttura in legno e vetro e i due portoni industriali in truciolato già presenti in azienda

In questo centro molto piccolo e contrariamente a quanto si possa pensare, esistono realtà economiche diversificate, oltre a quelle più tradizionali dedite all’alimentazione ed all’agricoltura (notevolmente avanzata e meccanizzata). Tra queste spicca JSM Nappes Sàrl, azienda attiva nel settore della vendita di sistemi industriali di pulizia, riscaldamento e deumidificazione. Con la loro gamma di più di una quindicina di prodotti, forniscono soluzioni per le più disparate necessità di piccole, medie e grandi imprese.
Poichè appunto il clima della zona tocca temperature rigide durante l’inverno, con estesa piovosità e venti forti, sempre più realtà industriali fanno ricorso ad attrezzature industriali in grado di garantire calore in poco tempo. Il problema dell’umidità è anche molto sentito, non solo a livello industriale, ma anche nel contesto civile e residenziale. Infine, l’estensione delle strutture produttive e dei capannoni si sta orientando anche verso strumenti in grado di pulire vasti spazi con macchinari avanzati.
JSM Nappes Sàrl, a partire dal 2010, ha saputo sapientemente cogliere tutte queste esigenze, fornendo strumenti professionali.

Molti dei prodotti trattati dalla società elvetica sono immagazzinati in una nuova struttura a Villarzel, prossima al nuovo centro abitato, che salta subito all’occhio grazie al singolare rivestimento in truciolato che copre la struttura esterna dell’edificio. Un altro elemento che attrae immediatamente lo sguardo è la parte superiore delle pareti del capannone, interamente costituita da pannelli in vetro, che permette di osservare le travi a vista e la relativa struttura di supporto.
Qui si concentrano molte delle attività dell’azienda, in un trionfo di tradizione ed innovazione dove legno massiccio, truciolato e vetro si fondono sapientemente.
La nuovissima realizzazione necessitava però di un portone industriale in aggiunta a quello già presente e mostrato in figura: le sole porte scorrevoli in truciolato non rispondevano alle necessità di completo isolamento, necessarie alla struttura.

Innovazione e tradizione con le chiusure rapide avvolgibili coibentate

capannone e portoni industriali coibentati

Porte rapide coibentate Thermicroll: isolamento acustico e termico, compattezza e resistenza

Il sopralluogo del team tecnico di Thermicroll® ha riscontrato questa fondamentale esigenza di isolamento: infatti l’umidità e le temperature rigide richiedono una barriera ulteriore rispetto a quella in legno precedentemente installata.
Da subito si è pensato ad una serie di chiusure rapide avvolgibili che meglio rispondono ai quesiti di isolamento: le porte coibentate prodotte da Thermicroll®. Maggiori studi sulla zona e sul clima hanno permesso di optare per i portoni industriali per capannoni modello Spiral Door ISO 40.
La scelta del team ingegneristico, è stata sottoposta successivamente ai titolari di JSM Nappes Sàrl, illustrandone i vantaggi che questa soluzione garantisce all’azienda.
Da un lato il sicuro isolamento termico e acustico permette di lavorare in tutta tranquillità durante ogni stagione, dando anche la possibilità di testare i macchinari, talvolta rumorosi, senza disturbare i residenti del vicino centro abitato. I 42 millimetri di spessore del manto rappresentano una valida barriera anche per il vento, in conformità alla direttiva comunitaria EN 12428. Dall’altro si sostituiscono due portoni industriali orizzontali a movimentazione manuale, con un’unica porta industriale avvolgibile, che non richiede spazio, se non il minimo ingombro della cassa superiore in cui rientra l’avvolgibile. L’avvolgimento a spirale in polizene 500 delle guide laterali, brevettato, permette una resistenza maggiore al normale polietilene, alleggerendo anche la struttura e rendendola quindi più veloce. A proposito di rapidità, i pannelli rispondono con una velocità che arriva fino a 2 m/sec in fase di apertura: un movimento immediato per utilizzi ripetuti durante la giornata, come avviene in questo tipo di azienda. L’assenza di ingombri a terra, durante l’apertura di questa tipologia di porte rapide coibentate, permette di operare in tutta sicurezza e di movimentare macchinari ingombranti, come quelli trattati, senza sforzi aggiuntivi oltre a quelli normalmente applicati.

serrande industriali per capannoni industriali svizzera

Integrazione e armonia tra il legno e il vetro della struttura e il metallo della porta rapida: un mix di tradizione e innovazione

Il colore personalizzato del manto, valorizza ancora di più la struttura esistente: il gioco tra vetro e legno, ovvero tra moderno e tradizionale viene accentuato dalla naturalezza della colorazione metallica naturale dei pannelli, a cui fa da contraltare la finestratura completa di 11 pannelli. In questo modo viene favorita l’illuminazione naturale interna allo stabilimento e allo stesso tempo consente visibilità tra esterno ed interno, anche quando i due portoni scorrevoli orizzontali sono chiusi.

L’azienda ha impiegato poco tempo per apprezzare queste e altri vantaggi della soluzione proposta: subito è stata attivata la produzione, ovviamente e come al solito, creata sulle esigenze del cliente, permettendo di rispondere a tutte le necessità. Dopo i consueti test sulla porta nuova di zecca, l’ufficio logistico si è occupato dell’imballaggio e della spedizione in loco. Qui, una nostra squadra di montatori è stata impiegata sia per l’installazione che per le successive e ulteriori prove, previste su tutte le chiusure industriali montate.
Ecco che una nuova porta Thermicroll® prende vita grazie all’impiego coordinato di più team specializzati, ed ecco che una nuova soluzione logistica personalizzata è stata consegnata in brevissimo tempo!

Se anche la tua azienda, a qualsiasi settore industriale appartenga, deve risolvere situazione logistiche simili a quella appena descritta, non esitare a contattare il team tecnico Thermicroll® per un preventivo gratuito!

2018-03-19T18:01:49+00:00 aprile 13th, 2015|Case-History|