R+T Asia: apertura verso il mondo delle chiusure industriali

Home » R+T Asia: apertura verso il mondo delle chiusure industriali

R+T Asia: apertura verso il mondo delle chiusure industriali

Si conclude l’R+T Asia, l’esposizione dedicata alle chiusure industriali: ecco un primo bilancio dell’evento

shanghai-sede-evento-r+t asia su chiusure industriali

Shanghai: location dell’R+T Expo

Dal 24 al 26 marzo si è svolta un’importante manifestazione in Cina, come i nostri fedelissimi lettori già sapranno avendo letto l’articolo che parla dell’evento orientale: si tratta della R+T Asia, un appuntamento che richiama migliaia di espositori e visitatori da tutto il mondo, con focus sul settore delle chiusure industriali, delle porte rapide coibentate, delle serrande e portoni industriali e dei sistemi di protezione solare.
VNU Exhibitions Asia & Landesmesse Stuttgart GmbH è la società che si occupa di organizzare gli eventi riguardanti questo ambito d’impresa. Infatti, la R+T Expo di Stoccarda, a cui abbiamo preso parte insieme a Civert ed al gruppo BMP, che si è tenuta poco più di un mese fa nella nota cittadina tedesca, è stata orchestrata dalla stessa VNU. Ha riscosso, peraltro, un successo inaspettato, come degna celebrazione del suo primo cinquantenario.

Nel vivo dell’R+T Asia

Citare gli organizzatori è d’obbligo dato il grande successo dell’appuntamento cinese: in tre giorni di esposizioni si sono centrati vari obiettivi.
Primo fra tutti quello dell’affluenza: nonostante non siano ancora stati pubblicati i dati ufficiali, si può affermare con certezza che il New International Exhibition Center di Shanghai ha dato ospitalità agli almeno 21876 professionisti del settore attesi.
La partecipazione è stata sicuramente molto elevata, allo stesso modo della qualità. Infatti, le persone che hanno raggiunto l’enorme spazio espositivo della capitale economica cinese sono contraddistinte da una forte motivazione ed interessamento per la manifestazione sulle chiusure industriali e sulle porte rapide e automatizzate: i numerosi contatti con espositori ed esperti lo confermano. Parimenti, la qualità dell’organizzazione è stata infallibile: pre-registrazione, accredito all’ingresso anche e semplicemente con QR code, assistenza per qualsiasi esigenza hanno semplificato e permesso la miglior fruizione. Ancora, ottimizzazione degli spazi di incontro e possibilità di fissare appuntamenti con gli espositori delle chiusure industriali, delle serrande avvolgibili e dei sistemi di protezione solare (o meglio industrial doors, roller shutter e sun protection systems, le parole più utilizzate in tale contesto internazionale), sono stati tutti elementi largamente apprezzati dai partecipanti, siano essi visitatori o meno. Unico neo: le code ad alcuni appuntamenti, che si sono rivelate inevitabili viste le tematiche trattate, di alto livello. Quest’ultimo punto ha quindi una valenza anche positiva: sempre più gente si avvicina ad incontri tenuti da esperti, tanto da attrarre anche chi non si era preventivamente iscritto!

edizione precedente rt expo asia

La scorsa edizione, come l’attuale, ha raggiunto affluenze record! Presenti anche quest’anno molti esperti del settore chiusure industriali da tutto il mondo

Infatti meeting quali l’International Window & Door Summit (IWDS), unica opportunità per analizzare il settore porte, portoni e finestre (più in generale: chiusure industriali) e le conseguenti sfide e opportunità, sono state occasioni irripetibili per capire l’andamento e i trend di produzione e vendita a livello internazionale. Molti sono i mercati su cui ci si è focalizzati, con un occhio di riguardo per i BRICS: qui molte aziende nascono ogni giorno e, di conseguenza, il commercio B2B assume un ruolo di primaria importanza.
In questo scenario, i numerosi espositori europei presenti all’R+T Asia confermano il ruolo fondamentale del nostro continente anche dal punto di vista produttivo. Un’importante riflessione su come ci sia ampia necessità di rinnovamento, per saper rispondere alle diverse esigenze aziendali e a Paesi con business anche molto differenti da quelli a cui siamo tradizionalmente più abituati, ha animato il dibattito.
Anche il DOMOTEX asia/CHINAFLOOR ha suscitato molto interesse: qui ci si è confrontanti fondamentalmente sui nuovi materiali e sui relativi impieghi nell’edilizia, anche industriale, e nella manutenzione delle costruzioni. E’ stato uno dei momenti in cui l’innovazione l’ha fatta da padrone, grazie alla presentazione di soluzioni veramente innovative che segneranno l’intero comparto nel medio-lungo periodo. Approfondiremo questa tematica nei prossimi articoli.

E ora?

Come partecipanti alla undicesima edizione dell’R+T Asia possiamo affermare che anche quest’anno ci sono state moltissime opportunità di crescita professionale e di contatto con realtà precedentemente sconosciute.
Di conseguenza il “primo bilancio” dell’evento non può che essere positivo!
Non resta che aspettare la conferma da parte dell’organizzazione, con la pubblicazione dei dati ufficiali. Sulle nostre pagine social (facebook, twitter, linkedin, google+) potete mandarci le vostre impressioni.

Durante l’attesa torniamo a ragionare in ottica occidentale: sicuramente non mancheremo all’R+T Turkey, in programma dal 12 al 15 novembre. Non prendete impegni!

2016-12-28T10:24:33+00:00 maggio 30th, 2015|Case-History|