Chiusure industriali Umbria e capannoni in pvc: accoppiata vincente!

Home » Chiusure industriali Umbria e capannoni in pvc: accoppiata vincente!

Chiusure industriali Umbria e capannoni in pvc: accoppiata vincente!

Capannoni mobili e chiusure industriali Umbria: come risolvere diverse esigenze ricorrendo ad una soluzione integrata

Chiusure industriali in Umbria

La selvaggia Umbria: una regione spesso dimenticata ma che ha un grande potenziale. L’associazione con alcuni prodotti, soprattutto gastronomici, caratteristici del territorio è spontanea. Spiccano infatti le norcinerie, con la tradizione secolare nella produzione di insaccati e prelibatezze ottenute da maiali e cinghiali, altra caratteristica di cui abbonda l’area. E poi i tartufi e le foreste, tra cui si erge il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, che tappezzano le alture dell’unica regione italiana circondata interamente da territorio nazionale. D’estate l’Umbria diventa un vero e proprio scrigno a cielo aperto: le numerose feste e rievocazioni storiche riportano in vita il Medioevo, periodo importante per la storia della regione, di cui l’arte romanica e successivamente gotica costellano i principali centri. Dal duomo di Orvieto all’imponente complesso di Assisi, passando per Perugia, Spoleto e Todi, celebrati a livello internazionale, non mancano gli esempi delle eccellenze regionali. Una regione che ha saputo rinnovarsi nel tempo, rivedendo la propria economia e orientandosi verso settori innovativi.
A pochi chilometri da Sansepolcro, in Toscana, celebre località che ha dato i natali ad artisti del calibro di Piero della Francesca, sorge San Giustino.
Nel corso dei secoli la vocazione artistica, sotto diverse forme, ha continuato a influenzare tutto il territorio: è proprio in questa cittadina della provincia di Perugia che sorgono importanti realtà grafiche, come Vimer srl(Industrie grafiche italiane).

Vimer Srl e la scelta del Gruppo

chiusure industriali Umbria

La porta rapida avvolgibile e l’installazione del tunnel mobile Civert

Se da Sansepolcro ci si dirige verso Perugia, per scoprire i tesori d’arte descritti precedentemente, si passa per San Giustino, comune in un lembo di terra tra Toscana, Umbria e Marche. Dalla strada provinciale 200 si svolta in via Fermi e subito spicca una vasta struttura industriale, con ampi piazzali, dalle insegne arancioni. Vimer Srl è una dinamica e innovativa realtà, consolidata a livello nazionale, e presente anche in Francia e Regno Unito, che si occupa di moderne ‘forme d’arte’ che prendono il nome di packaging e retail design.
L’azienda, nella propria innovazione aveva scelto Thermicroll con una delle proprie porte rapide. In particolare era stata selezionata una porta rapida ad avvolgimento, perfetta per la chiusura del lato di uno dei diversi capannoni aziendali. Si tratta di un tipo di portoni industriali per capannoni particolarmente dinamici e indicati per le aziende che intendono avere affidabilità e resistenza: i rinforzi dati dalle barre di acciaio garantiscono una resistenza al vento fino alla classe 2 (in questo caso si parla di circa 90 km/h!) senza incidere sulla velocità di movimentazione. Questo tipo di porte rapide sono costituite da una struttura perimetrale in acciaio zincato di forma a U adatta a contenere lo scorrimento del telo e da un rullo superiore per la raccolta del medesimo. La struttura è costituita da guide di scorrimento del telo dotate di spazzole per ridurre attrito e usure, garantendo l’isolamento. La personalizzazione della chiusura, che si può notare soprattutto nella scelta del colore e dei settori visivi trasparenti (per una grande luminosità) ad altezza uomo, rappresentano la risposta ad una prima esigenza aziendale.

Il nostro Gruppo di nuovo all’opera!

Parlando di ‘prima esigenza industriale’ e di ‘ampi piazzali’ abbiamo dato due indizi importanti per introdurre la nuova collaborazione!
In particolare, si voleva sfruttare al meglio uno dei diversi piazzali interni, adiacente ad una struttura industriale in muratura: l’espansione della società di grafica richiedeva l’ampliamento del magazzino attraverso una nuova costruzione. Entrando casualmente nel discorso, i titolari hanno espresso l’esigenza ai nostri tecnici.
Il Gruppo si è subito messo in moto, inviando i consulenti della consociata Civert Srl, attiva nel settore edilizio di produzione e installazione di coperture e tunnel mobili in pvc, per proporre una soluzione innovativa ed alternativa alle classiche strutture murarie e per spiegarne i relativi vantaggi.

L’insolita soluzione di una copertura in pvc ha riscosso l’approvazione del managament aziendale: subito è stata messa in moto la produzione del tunnel. Ad esso è stato deciso di associare un’altra porta avvolgibile, confermando la validità della precedente, scelta pochi mesi prima.
In questo caso, le necessità indicate sono state diverse: oltre alla resistenza e alla personalizzazione, già fornite con la porta ad avvolgimento, anche la maggior sicurezza e rapidità sono emersi quali punti fondamentali per la società. La soluzione migliore è perciò data da due tipologie di porte rapide racchiuse in un unico contesto: una caratterizzata da ottimi tempi di risposta durante l’apertura e la chiusura e una metallica in grado di fornire sicurezza e protezione elevate alla copertura in pvc e, quindi, allo stabilimento stesso.
Stiamo parlando delle chiusure rapide avvolgibili modello Komby, già utilizzate con successo in altri contesti, come presso le aziende Aboca Spa e TIB Srl.
Perciò, dopo la costruzione della copertura mobile, ecco che il team tecnico di Thermicroll® ha iniziato l’installazione delle due porte industriali.

Chiusure industriali Umbria

L’opera completa! Tunnel mobile in pvc e le tre chiusure industriali (porte rapide coibentate Komby e Roll) installate da Thermicroll®

Il lavoro sincronizzato ha consentito di avere le due chiusure perfettamente operative in meno di una giornata lavorativa. I test di routine hanno confermato le caratteristiche della coppia di porte ed i relativi vantaggi. Oltre al portone industriale è stata anche prevista l’installazione di una porta pedonale, appositamente disegnata e utilizzabile per evitare grandi dispersioni di calore. Infatti, le porte coibentate Komby, grazie al doppio manto, garantiscono un elevato isolamento, pari a 3,5  W/mqK (in ottemperanza alla normativa EN 12567-1) oltre ad una notevole insonorizzazione (coefficiente Rw 20 dB). La resistenza al vento di classe 2 riprende la protezione già fornita con la porta precedentemente installata. La velocità della porta in pvc, che raggiunge i 2 m/sec, aumenta le prestazioni della chiusura per utilizzi ripetuti durante il giorno. Per dare un’idea della dinamicità e della flessibilità delle porte ad avvolgimento, basti pensare che sono state installate su una struttura metallica, quale quella fornita da Civert, senza gravare in modo rilevante sull’architettura!
Infine, la possibilità di personalizzazione è ripresa da elementi quali la colorazione, uniformata con quella del tunnel mobile e completamente integrata con quella delle strutture in muratura, l’inserimento delle finestrature, alla stessa altezza delle precedenti, l’installazione della porta pedonale e dall’aggiunta di optional come il lampeggiante per aumentare la sicurezza.

Tra Vimer Srl e il gruppo Thermicroll si è creato un rapporto di partnership, piuttosto che di semplice rapporto cliente-fornitore, che ha portato a collaborare nella scelta delle soluzioni migliori in più di un caso. E chissà che non ci sia un due senza un tre!

La tua azienda ha piazzali che vuole sfruttare nel migliore dei modi? Vuoi aumentare il tuo spazio coperto e chiuso di carico e scarico merci? Perchè non informarsi sulle coperture mobili e sulle porte industriali per capannoni sia in muratura che in pvc?
Thermicroll® e Civert lavorano assieme per fornire la soluzione ideale per il tuo business!

COMPILA IL MODULO E CONFIGURA LA TUA CHIUSURA INDUSTRIALE!
Nome e cognome*
Azienda*
Telefono*
Email*
Provincia*
Modello:
Larghezza mm.
Altezza mm.
Note

Dichiaro di avere preso visione e accettato la normativa privacy di Thermicroll per il trattamento dei dati inseriti nel modulo.

 

2018-09-13T11:44:14+00:00 aprile 27th, 2015|Case-History|

Share This Story, Choose Your Platform!